Visita al CERN di Ginevra

Il Cern di Ginevra visto da vicino. Un gruppo di cinquanta liceali ha visitato il Consiglio Europeo per la Ricerca Nucleare, che studia le particelle elementari della materia, sfruttando le collisioni indotte tra di esse in appositi acceleratori.

Una visita che è stata anche un viaggio nella dimensione dell’infinitamente piccolo, che gli studiosi analizzano per comprendere l’infinitamente grande dell’universo. Ad introdurre i ragazzi nel mondo della fisica delle particelle il prof. Claudio Santoni, un insigne ricercatore italiano, nonchè docente universitario, fra gli artefici dell’esperimento ATLAS presso l’acceleratore LHC (Large Hadron Collider) del Cern.

La lezione teorica é stata ultimata con approfondimenti sul bosone di Higgs. Al termine, gli alunni sono stati divisi in due gruppi: il primo ha potuto approfondire le dinamiche operative del funzionamento dell’acceleratore di particelle, il secondo invece ha visitato il centro di controllo e raccolta dati della stazione spaziale internazionale AMS. Poi, tutti assieme, ma suddivisi in quattro sottogruppi, hanno visionato gli strumenti tecnologici utilizzati nella costruzione dell’acceleratore.

L’esperienza é stata bellissima, unica, tutti hanno partecipato con interesse e in maniera attiva

Francesco Galli, Professore Fisica

Destinazione CERN!!

Prima del viaggio in Svizzera, i liceali erano stati preparati alla visita al Cern in un incontro introduttivo tenuto dal dott. Leonardo Cristella, laureato in Fisica e ricercatore presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bari, dove si occupa di analizzare i dati raccolti al CERN (dove lui stesso ha soggiornato per diversi periodi) nelle collisioni protone-protone dell’accelaratore LHC.

Tags

Leave a comment