Scambio con l’Olanda, bilancio positivo

“E’ durato una settimana, ma ci ha cambiato la vita”. Lo scambio interculturale tra il Vico e lo Stedeljik College di Eindhoven, svolto dal 22 al 29 gennaio scorsi, ha lasciato un segno nelle menti e nei cuori dei suoi partecipanti: 17 studenti, classi III A e III D, e due accompagnatori, la prof.ssa Mariella Sangiorgio e il prof. Leonardo Digitalino.

“L’esperienza dello scambio culturale – è il bilancio della prof.ssa Sangiorgio – cambia la vita perché costringe ad utilizzare la lingua inglese in ogni comunicazione, perché induce a tirare fuori le doti più nascoste, per adattarsi ad un altro clima familiare e sociale, perché permette l’allargamento degli orizzonti geografici e soprattutto culturali, in vista della crescita personale in termini di consapevolezza e autonomia”. Un’esperienza completa, insomma, che coinvolge a tutti i livelli. Anche a quello fisico, se si pensa ai cinque chilometri percorsi  dai ragazzi ogni giorno in bicicletta, mattina e ser,  a temperature bassissime ( -2°C), per raggiungere la sede dell’istituto scolastico. “Una sfida  da realizzare giorno dopo giorno”.

Nonostante il freddo e la neve che ha accolto la delegazione del Vico all’aeroporto, il calore umano non è mancato nei sette giorni della permanenza ad Eindhoven: attività sportive, visite guidate ai musei, conversazioni impegnate, lezioni di cucina italiana, canzoni imparate durante gli spostamenti in treno, giocate a “briscola” e a “scopa” (alle quali gli olandesi si sono appassionati), passando da Eindhoven a L’Aja, da Rotterdam ad Amsterdam.

“Ciò che ha  caratterizzato quest’esperienza – ha commentato la prof.ssa Sangiorgio – è stato l’entusiasmo incontenibile degli studenti italiani, i quali hanno conquistato l’affetto degli olandesi, che , il giorno della partenza, ci hanno salutato con qualche singhiozzo, prontamente represso dalla certezza di incontrarci fra poco più di due mesi, a Laterza,  dal 6 al 12 aprile 2019”. Non un addio, ma un arrivederci.

Leave a comment