Olimpiadi di Matematica, fase interprovinciale

A risposta multipla, numerica o con dimostrazione, i quesiti di matematica non fanno paura. Almeno ai nostri 15 alunni che si sono cimentati nella finale distrettuale -interprovinciale delle Olimpiadi di Matematica, svoltasi stamattina nelle aule della facoltà di Ingegneria di Taranto.
Dei quindici, sette alunni appartengono al triennio (cinque a classi quinte) e otto sono del biennio (nello specifico, ben sei della classi prime). Ai primi 12 qualificati dai Giochi di Archimede, nella fase di Istituto di novembre, si sono aggiunti altri tre alunni classificatisi nella “Gara delle Prime” del 6 febbraio scorso: Agata Tamborrino di IB; Fabio Caponio e Federica D’alconzo di IA. La nostra “squadra” è quindi diventata di ben 15 concorrenti, alcuni dei quali frequentano anche la sperimentazione del corso di Liceo Matematico: Vitalba Busto (2A), Marica Caponio (1C), Claudia Clemente (2A), Gabriele Pedacchio (1B), Agata Tamborrino (1B), Lorenzo Tamborrino (1D).
A formarli e accompagnarli alla gara il tutor del progetto, nonché responsabile della sperimentazione del Liceo Matematico, prof. Pierpaolo Lamola.
Quella di oggi è la gara determinante per la qualificazione alla finale di Cesenatico, a maggio: si tratta di una gara impegnativa, consistente in 12 quesiti a risposta multipla (da 5 punti), 2 a risposta numerica (da 5 punti) e tre dimostrazioni (fino a 15 punti), con un massimo teorico di 115 punti. Ma il meccanismo della gara potrebbe permettere di entrare anche con 80-90 punti.
“Finora nessuno del nostro Istituto c’è (ancora) riuscito – ha commentato il prof. Lamola – ma confido che prima o poi, anche grazie alla nuova esperienza del Liceo Matematico, qualcuno possa appassionarsi e raggiungere, con impegno e perseveranza, questo notevole traguardo”.

Leave a comment